Torna alla
Home Page

Stemma

Comune
Villa Carcina

[Immagini e Itinerari]
[Itinerari]
[I sentieri]
[La pista ciclabile]
[Mountain Bike]
[Galleria fotografica]
[Immagini Storiche]
sentiero 379

Sito Ufficiale del Comune di Villa Carcina - Via XX Settembre 2 - Villa Carcina (BS)
CF: 00351640172 - P.IVA: 00556800985 - Tel. 030 8984.301 Fax 030 8984.306

SENTIERO N. 379
dal Caricatore a Carcina, per località Sella, al Monte Palosso

Quota di Partenza: 290m
Quota di Arrivo: 1158m
Dislivello: 858m
Tempi di percorrenza: 3,00h
Difficoltà: agevole
Periodo consigliato: tutto l'anno 
Tempi e altezze intermedie: Tesa del Tafol 435m, 0,25; Sella 576m, 0,50h.

Note e caratteristiche del sentiero:

É un'altro dei sentieri che presenta non poche suggestioni paesaggistiche. La partenza è fissata nella parte alta di Carcina, presso la località detta Caricatore, prendendo il sentiero di destra indicato dal segnavia.
Da qui si scende nella piccola valle del torrente Carcina per poi risalire immediatamente attraverso un bel castagneto. Si raggiunge così il primo dei punti di riferimento intermedi, la cosiddetta Tesa del Tafol situata lungo lo spartiacque del crinale dei comuni di Villa Carcina e Concesio. Si prosegue, quindi, lungo il versante sud del Dosso Corno, aggirandolo a mezza costa fino a rientrare sul displuvio in località Sella, secondo punto intermedio del tragitto. nelle vicinanze della Sella è possibile vedere un classico capanno per la caccia. Il sentiero prosegue lungo la direttrice dello spartiacque a cavallo del Dosso Corecoli fino a raggiungere, in prossimità del Varsel (Compluvio) della Val Codera, il sentiero n. 377 che proseguendo verso destra conduce fino alla vetta del Monte Palosso. La particolarità di questo sentiero è il paesaggio panoramico che offre soprattutto verso la zona sud della bassa Vai Trompia, verso la città di Brescia e la pianura fino alla catena appennica.

 


TRATTO DA “ITINERARI ESCURSIONISTICI”, pubblicazione del 1993 a cura dell’amministrazione Comunale – Assessorato allo sport

Hanno collaborato all’opera la sottosezione Cai di Villa Carcina, il Gruppo Volontari Agroforestale, Giacomo Salvi, Francesco Bevilacqua. Stesura e redazione, Evaristo Bodini.